Infezioni delle basse vie urinarie

Cosa sono?

Le infezioni delle basse vie urinarie (es. cistite e uretrite) sono un problema infettivo piuttosto comune, di cui sono responsabili batteri normalmenete saprofiti dell'intestino e dei genitali esterni (Escherichia Coli, responsabile di oltre il 75% dei casi, e altri batteri, come Staphylococcus saprofiticus, Proteus Mirabilis, Klebsiella). Questi microrganismi , in determinate condizioni, possono colonizzare le vie urinarie fino ad arrivare, attraverso l'uretra, alla vescica.

Chi sono i soggetti più frequentemente colpiti?

Le infezioni delle basse vie urinarie sono 50 volte più frequenti nelle donne tra i 20 e i 50 anni, sessualmente attive, rispetto al resto della popolazione.
La ragione è da ricercarsi nella brevità dell'uretra femminile e nella vicinanza degli orifizi genitali e anali, che si traduce in una maggiore possibilità di contaminazione da parte di germi di origine intestinale. In taluni casi si può sviluppare una forma ricorrente.
Si ritiene che, nelle donne, oltre alla presenza di fattori predisponenti quali l'uso del diaframma e un pH vaginale alto, le infezioni ricorrenti possano essere dovute anche all'assenza di alcuni meccanismi di difesa locale. Fra gli uomini, sono a maggior rischio di infezioni delle vie urinarie extraospedaliere quelli con problemi di ostruzione urinaria di origine prostatica e gli anziani.

Quali sono i sintomi?

Il sintomo caratteristico è la necessità impellente di urinare, con minzione (l'eliminazione di urina) frazionata in frequenti atti brevi (pollachiuria) e, spesso, dolorosi e difficoltosi (disuria). L'urina si può presentare torbida per la presenza di pus e può presentare tracce di sangue.

Cosa si deve fare?

La cistite è un'infezione superficiale con un decorso benigno a condizione che venga trattata efficacemente. Come norma generale è consigliabile bere nell'arco della giornata molta acqua, eventualmente con l'aggiunta di una punta di bicarbonato di sodio o di citrato di sodio (es. Citrosodina), per diminuire l'acidità delle urine e a ridurre la carica batterica dei microrganismi infettanti; con questi semplici provvedimenti, i sintomi a volte possono scomparire anche senza alcuna terapia.
Il trattamento deve essere prescritto dal medico; i farmaci più utilizzati sono il cotrimossazolo (es. Bactrim) e la nitrofurantoina (es. Neofuradantin) assunti solitamente per 3 giorni (ma sono risultati efficaci anche dopo una unica somministrazione); la ciprofloxacina (es. Ciproxin) viene usata soprattutto in caso di infezioni ricorrenti o di precedenti fallimenti terapeutici. Gli uomini richiedono in genere un trattamento più protratto.

Quando contattare il medico

In presenza di febbre, brividi, dolore lombare, quando i sintomi non si alleviano con provvedimenti non farmacologici o in caso di frequenti recidive è consigliabile rivolgersi al medico. Occorre contattare il medico ai primi sintomi se si soffre di diabete o di malattie renali, se si è immunodepressi o se l'infezione si manifesta in un bambino al di sotto dei 6 anni, in un anziano o durante la gravidanza.

Bibliografia

  • Gabbi E. Terapia delle infezioni non complicate delle basse vie urinarie nella donna. Informazioni sui Farmaci 1994;18:3; Norrby SR.
  • Short term treatment of uncomplicated lower urinary tract infections in women. Rev Infect Dis 1990; 12:458

Data di redazione Archivio Saninforma.


Copyright © 2000-2016 - Az. Speciale Farmacie Comunali Riunite - Reggio Emilia
É vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini presenti sul sito.
Stampa Consiglia